Risparmia il 20% su tutti i corsi

Iscriviti con il codice sconto 1POSTOALSOLE, ma attenzione: può essere usato solo 50 volte

Approfittane subito
Home
Cresce l’Open Source nella PA

09 Aprile 2008

Cresce l’Open Source nella PA

di

Gli enti pubblici locali si affidano sempre di più alle soluzioni free e open source

L’ISTAT ha confermato nel suo ultimo rapporto ICT che gli enti pubblici locali si affidano sempre più spesso alle soluzioni open source. «Se è vero che la diffusione di server open source non stupisce è già più interessante scoprire che c’è un rilevante 44,6% di open source nei sistemi di posta, nell’e-mail, con un 49,3% per i sistemi di office automation», ha dichiarato Diego Zanga di ELawOffice.it, esperto di software nella PA.

Il 29,6% dei pc desktop dispone di sistemi operativi open source; sale invece la percentuale quando si parla di software per la sicurezza: 39,9%. «Mentre il free e open source software dilaga i politici italiani non sembrano stare al passo. Sembrano infatti avere problemi ad esprimere pareri sull’open source, anche se cominciano a girare parole come open standard, segno evidente che forse c’è qualche speranza: in effetti è proprio con valutazioni specifiche, nonché nell’uso di open standard, che si contengono i costi nell’ambito della PA per le spese attinenti al software, spesso adottando applicativi open source come soluzioni», ha aggiunto Zanga.

«Uno dei problemi che va rilevato è capire come mai nello sviluppo di applicazioni software per i cittadini, la PA decida di scrivere e pagare applicativi che, oltre a non essere open source, sono privi di licenze se non persino applicativi che la PA riscrive da sola all’infinito e senza motivo».

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.