Home
Comunicare il vino online: un corso per vedere il calice mezzo pieno

08 Settembre 2020

Comunicare il vino online: un corso per vedere il calice mezzo pieno

di

Il mondo del vino in questi mesi ha fatto di necessità virtù e anche tanti scettici si sono convertiti, volenti o nolenti, alla comunicazione digitale per mantenere un rapporto con i clienti. Il passo successivo può essere solo il perfezionamento nell’uso dei canali social.

L’aiuto del digitale nel momento dell’emergenza

A voler vedere il calice mezzo pieno, la tragica fase del lockdown ha portato qualcosa di positivo nel mondo del vino e del food. Ossia, un’accelerazione forte, improvvisa, spontanea, verso la digitalizzazione.

Con i consumatori, gli appassionati, i degustatori bloccati in casa, i ristoranti serrati e la conseguente esplosione dell’e-commerce, molti produttori si sono resi improvvisamente conto che la comunicazione digitale restava l’unico modo per non interrompere i contatti con i clienti, attuali e potenziali. E hanno iniziato a esplorare – finalmente – le enormi potenzialità degli strumenti online, social media in primis, per comunicare a distanza, quando gli incontri, i tour enogastronomici, le degustazioni erano impossibili. Abbiamo assistito a un fiume di dirette, video, degustazioni virtuali, testimonianze del lavoro in vigna e nei campi che, per fortuna, non si fermava. Contenuti a volte migliorabili, nati con poca tecnica e tanto entusiasmo, ma comunque funzionali in un periodo così difficile e così inaspettato.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ora è il momento di fare un salto di qualità.

Come diventare professionali nella comunicazione online del vino

Passata l’emergenza, si spera per sempre, è il momento di raffinare, migliorare, cesellare quella comunicazione digitale nata spontaneamente. Perché se è vero che le degustazioni e i tour con partecipanti in carne e ossa stanno lentamente riprendendo, pur con tutte le precauzioni del caso, è altrettanto vero che le alternative digitali, sperimentate durante i tre mesi di chiusura, sono qui per restare e per arricchire di nuove possibilità la comunicazione del settore enogastronomico. Meglio farsi trovare pronti quindi, e costruire imparando da quello che abbiamo visto online negli scorsi mesi.

Come? Prima di tutto scegliendo le piattaforme e gli strumenti migliori; non ce ne sono di migliori in assoluto, ma vanno tutti valutati, selezionati e calibrati per ogni realtà, a partire da quella imprescindibile: il sito web. Poi, creando un piano editoriale chiaro e coerente che metta in pratica la strategia di comunicazione e che tenga conto di obiettivi, risorse e budget. Infine, comunicando il brand, i prodotti e i valori con una voce originale e personale, partendo dalla storia aziendale che è unica e va valorizzata nel modo migliore. Senza dimenticare l’interazione con i clienti e consumatori, da coltivare quotidianamente come si coltiva una pianta, per creare una relazione di fiducia che aiuti a difendersi anche durante eventuali crisi di comunicazione.

Imparare a usare bene la rete è imprescindibile

Le relazioni digitali, oggi più che mai, sono una prosecuzione ideale di quelle fisiche e ogni elemento aiuta l’altro, in un circolo virtuoso che porta dalla conversazione online all’esperienza sul posto e sul territorio.

Sono proprio questo momento e questa situazione che mi hanno portato a lavorare sul corso che terrò il 30 settembre: una bella occasione per fare il punto e farlo proprio online. Si può fare bene un corso a distanza, proprio come si può parlare efficacemente di vino sulla rete. Lo hanno scoperto in tanti, che non ci avrebbero mai creduto altrimenti.

Immagine di apertura di Bill Williams su Unsplash.

L'autore

  • Barbara Sgarzi
    Barbara Sgarzi è giornalista professionista con oltre vent'anni di esperienza. Ha partecipato al lancio di Yahoo! Italia nel 1998 e da allora ha seguito l'evoluzione della comunicazione in Rete. Ha lavorato con Condé Nast e RCS Mediagroup, occupandosi della formazione delle redazioni all’uso dei media digitali, e con Google News Lab come Fellow Media Trainer. È sommelier AIS, ha tenuto speech e consulenze per produttori e comunicatori delle aziende vinicole e collaborato con il Social Media Team di Vinitaly. Scrive per Viniplus e per il sito AIS Milano, collabora ai social media di AIS Lombardia.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
Food-e-Wine-strategie-di-comunicazione-digitale-cover Corso Online

Food & Wine: strategie di comunicazione digitale

Per il settore enogastronomico le reti sociali sono una grande opportunità per raccontarsi e trasmettere la qualità di un prodotto o di un locale. Se vuoi capire come farlo al meglio, il corso di Barbara Sgarzi può aiutarti.

129,00

con Barbara Sgarzi

facebook e instagram la pubblicita che funziona-home Corso Online

Facebook e Instagram: la pubblicità che funziona

Non sei soddisfatto del rendimento delle tue campagne? Ti sembra di sprecare tempo e budget? Enrico Marchetto ti aiuta a cambiare prospettiva lavorando su dati e analisi per andare al cuore del funnel.

con Enrico Marchetto


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Content Design

Progettare contenuti web che fanno incontrare persone e aziende

16,99

di Nicola Bonora

Social Media Wine

Strategie, strumenti e best practice per comunicare il vino online

26,10

38,89€ -33%

21,76

22,90€ -5%

15,99

di Barbara Sgarzi

Facebook Marketing seconda edizione aggiornata

Guida strategica per la comunicazione e l'advertising

22,50

32,89€ -32%

18,91

19,90€ -5%

12,99

di Chiara Cini


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli